vecchio blog (myopera)

strisce pedonali e diritti umani


abito in un luogo di villeggiatura. un luogo molto frequentato sia d'inverno che, soprattutto, d'estate. ci sono molti stranieri, soprattutto tedeschi.
fortunatamente i miei itinerari automobilistici stanno il più alla larga possibile dai luoghi affollati, dai luoghi turistici, ma qualche volta tocca passarci per il centro. spesso ci passo quando vado a portare/prendere la consorte al/dal lavoro. lei è molto più attenta di me al fluire sconnesso dei pedoni, dei turisti. mi urla di fermarmi alle strisce pedonali, mi rimprovera perché non mi fermo per far attraversare, si incazza quando mi incazzo coi tedeschi, mi dice che devo stare più attento.

veniamo subito al punto. io non devo stare PIU' attento. LORO devono stare più attenti. io sono in macchina e sono sulla strada (che è il luogo dove possono circolare le macchine) e sto attento (il giusto). loro attraversano la strada da marciapiede (che è il luogo dove possono camminare i pedoni) a marciapiede. sono loro che stanno invadendo il campo altrui. sono loro che devono stare PIU' attenti. me ne fotto se sono in vacanza.

la scena tipica è quella di padremadreduefiglitedeschi che percorrono il marciapiede, vedono le strisce e si buttano. non guardano, o guardano solo con la coda dell'occhio. non aspettano. non valutano, non usano il cervello. e questo per un solo motivo: perché sanno di avere la precedenza. sanno di avere un diritto universalmente riconosciuto: "un pedone sulle strisce è intoccabile, ha ragione, è DIO".

stocazzo.

avere un diritto non vuol dire spegnere il cervello e spremere questo privilegio fino al midollo. il diritto non associato al buon senso perde ogni significato, viene svilito, si abbassa a stupidissimo gioco da asilo infantile. quando io mi ritrovo ad essere pedone non mi permetto di ragionare come se fossi il padrone della strada: perderei sia sul piano della massa che sul piano della velocità. sulla strada io tengo quattro occhi aperti perché il diritto delle strisce non è infallibile e io attraverso solo quando è il momento giusto per farlo e non quando ne ho voglia io.

la gente si accomoda sui diritti, non solo su quello delle strisce, su tutti i diritti che la storia ci ha amorevolmente donato. si accomoda e spegne la ragione. si pretende così che la giustificazione storica di un modo di fare sia sufficiente per comportamenti del tutto privi di razionalità.
ho il diritto di voto ma non mi informo e voto col culo. ho il diritto di esprimere le mie opinioni e twitto a tutto il mondo che il mio gatto ha fatto un rutto. ho il diritto alla pausa sul lavoro e vado quindici volte a bere il caffè in una mattina. ho il diritto ad avere una famiglia e dei figli e dopo due anni scappo con una rumena.

forse dovrei traslocare in siberia.

Annunci
Standard

4 thoughts on “strisce pedonali e diritti umani

  1. anonymous ha detto:

    astrid writes:Quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori, i conducenti devono fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali. Devono altresì dare la precedenza, rallentando e all'occorrenza fermandosi, ai pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti pedonali.

  2. anonymous ha detto:

    Anonymous writes:Cass. civ., sez. III, 30-09-2009, n. 20949.Il pedone che si accinga ad attraversare la strada sulle strisce pedonali non è tenuto, alla stregua dell’ordinaria diligenza, a verificare se i conducenti in transito mostrino o meno l’intenzione di rallentare e lasciarlo attraversare, potendo egli fare ragionevole affidamento sugli obblighi di cautela gravanti sui conducenti; ne consegue che la mera circostanza che il pedone abbia attraversato la strada, sulle strisce pedonali, frettolosamente e senza guardare non costituisce da sola presupposto per l’applicabilità dell’art. 1227, 1º comma, c.c., occorrendo invece a tal fine che la condotta del pedone sia stata del tutto straordinaria ed imprevedibile.Credo che abbia torto!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...